INIZIA COME IMPIEGATA DI RISTORAZIONE, DIVENTA CAMPIONESSA DEL MONDO

I PROFESSIONISTI FANNO STRADA: NOEMI KESSLER

La partecipazione ai campionati mondiali delle professioni le ha portato plauso e riconoscimento, consentendole inoltre di crearsi un’importante rete di relazioni. Sono parole di Noemi Kessler. Quanto alla medaglia d’oro, è stata la ciliegina sulla torta.

Sei entrata nel mondo del lavoro con una formazione professionale di base impiegata di ristorazione. Spiegaci perché.
I miei nonni gestivano un hotel a Davos. La gastronomia, quindi, ce l’ho nel sangue. Prima di scegliere un lavoro ho fatto alcuni stage d’orientamento in diverse professioni del settore alberghiero e della ristorazione. La professione che mi ha entusiasmato di più, in particolare per il contatto diretto con i clienti, è stata l’impiegata di ristorazione.

Cosa ti ha spinto a partecipare ai campionati delle professioni?
La nostra professione è spesso poco riconosciuta. Una volta una coppia di clienti mi ha chiesto cosa studiassi. Ho risposto che stavo seguendo un tirocinio nel settore della gastronomia. Non riuscivano a capacitarsi che fossi svizzera ... Il messaggio era chiaro: chi serve in un locale o ha bisogno di soldi per mantenersi agli studi oppure è straniero. Quando mi hanno invitata a candidarmi per i campionati svizzeri delle professioni, il mio entourage mi ha incoraggiato: «Questa è l’occasione giusta per dare maggiore visibilità al tuo lavoro».

Dopo esserti laureata campionessa svizzera, nel 2013 hai preso parte ai WorldSkills di Lipsia, vincendo anche lì la medaglia d’oro. Che cosa ha significato per te questa vittoria?
È stata una tappa fondamentale, una soddisfazione e una ricompensa per i duri allenamenti e la disciplina ferrea. Ho dedicato sei mesi interi alla preparazione. La medaglia d’oro ha rappresentato la ciliegina sulla torta. Il premio più importante sono state e sono le relazioni intrecciate nel periodo che ha preceduto i campionati.

Dopo i WorldSkills hai frequentato un ciclo di formazione per albergatrice-ristoratrice presso una scuola specializzata superiore. Come mai?
Molti colleghi che hanno già un’esperienza alle spalle seguono l’esempio di chi ha appena concluso il tirocinio. In futuro mi piacerebbe assumere una funzione di responsabilità, magari nel ramo del turismo o nell’organizzazione di eventi. La scuola specializzata superiore è un buon trampolino di lancio. In ogni caso finora ho frequentato solo il ciclo di formazione. Devo ancora sostenere l’esame … (sorride).

Ora stai lavorando a Dubai. Come ci sei arrivata?
Durante la preparazione ai campionati del mondo mi sono allenata con un food & beverage manager che aveva lavorato a lungo lì. Quando è arrivato il momento di scegliere lo stage all’estero durante gli studi mi sono ricordata di lui e grazie alle sue conoscenze sono riuscita a farmi assumere.

Quali sono gli ingredienti del successo sul lavoro?
Una mentalità aperta, un obiettivo e la volontà di lavorare duro per raggiungerlo. E poi la capacità di superare gli ostacoli. Non tutto fila liscio al primo tentativo.

Noemi Kessler

Età 27

Prima formazione

Impiegata di ristorazione AFC

Altri titoli

Albergatrice/Ristoratrice SSS in formazione

Azienda

Pure Arabia, Incentives, Conferences & Events, Dubai

SULLA STRADA GIUSTA

Formazione & carriera (7 min)
La formazione professionale superiore


Link

Pianificazione della carriera
Riorientarsi, perfezionarsi, riqualificarsi: l’orientamento professionale fornisce consigli utili per pianificare la propria carriera e illustra le offerte formative disponibili.
Orientamento.ch